MAGGIO
1-2-3
   
...è un tranquillo paese nella Provincia di Lecce adagiato in una pianura verdeggiante, molto ricco di acque sorgive e potabili. Ha case basse e pulite dai caratteristici colori pastello mediterranei tra i quali domina il bianco della calce. Larghe vie la percorrono in lungo ed in largo alternandosi ad ampie piazze sulla principale delle quali si eleva maestosa la settecentesca Chiesa Parrocchiale. Il terreno viene coltivato principalmente a frumento, olivi e tabacco, ma quasi tutte le principali colture mediterranee sono presenti: dagli agrumi ai vigneti, dal corbezzolo al mirto e dal carrubo al giuggiolo. Il clima è mite, anche se specialmente nei mesi invernali quando spira lo scirocco, data la vicinanza al mare, è molto umido; la temperatura media si aggira intorno ai 20 gradi, ma negli ultimi anni fenomeni una volta ritenuti eccezionali quali la neve in inverno e temperature vicine ai 40° in estate sono ormai divenuti consueti. E' situata a 98 metri sul livello del mare, dal quale in linea d'aria dista meno di un chilometro. Un tempo situata sull'unica importante arteria che collegava l'estremo Capo di Leuca a Lecce capoluogo di provincia, Diso per molti anni oltre ad essere centro obbligatorio di passaggio per l'ingente flusso di traffico e commercio da nord a sud della provincia e viceversa, è stata anche unico crocevia per poter raggiungere rinomate località turistiche della costa, quali Castro e Santa Cesarea Terme. Molte e diametralmente opposte, in mancanza di storica documentazione, risultano essere le ipotesi sulle origini sia del paese che del suo nome. Si passa, così, da alcune romantiche asserzioni, secondo le quali Diso fu fondata subito dopo la distruzione di Troia, ad altre, non meno romantiche, ma forse più accreditate, secondo le quali l'odierna Diso esisteva già dopo l'anno mille sotto il nome di Disìo, cioè desiderio di abitarci. Questo piccolo insediamento divenne, in breve tempo, infatti, un vero e proprio villaggio, grazie soprattutto all'arrivo di tantissimi scampati alle invasioni turche, imperversanti lungo la costa salentina tra il XV ed il XVI secolo, che in questo luogo trovarono asilo e rifugio.



Salento d'Amare
   
 



  > San Filippo e Giacomo
  > La Festa
   
  Photogallery

Photogallery

Photogallery

Photogallery

   
  Info
COMUNE DI DISO
Tel. 0836/920724
www.comunediso.it

POLIZIA MUNICIPALE
Tel. 0836/922308

www.disonline.it