APRILE
27-28-29-30
   
Il Santuario dedicato alla Madonna dell'Incoronata si staglia come un'isola di pace tra la ricca vegetazione dell'accogliente bosco del Cervaro. I secoli e il tempo non ne hanno mutato la sacralità che ha saputo coniugarsi alle linee sobrie ma moderne della nuova struttura, dal campanile che come una lancia appuntita svetta verso l'alto. Nei giorni delle festa gli atri del santuario si riempiono di voci e fedeli provenienti in pellegrinaggio da zone più o meno vicine, taluni anche a piedi per mantenere viva l'antica tradizione degli “scalzatori”: a piedi nudi percorrono l'ultimo tratto di strada che li separa dalla sacra meta. Le celebrazioni in onore della Madonna Incoronata iniziano il mercoledì antecedente l'ultimo sabato di aprile. Durante una solenne cerimonia di apertura, i comuni delle città limitrofe in cui forte è il culto mariano offrono il vestito, il manto e la corona che ornano durante la festa il simulacro della santa patrona portato in processione. Altro rituale che non può certo mancare è l'offerta dell'olio che alimenta la lampada perennemente accesa in onore della Madonna: il gesto rinnova quello compiuto nel 1001 dal contadino Strazzacappa che alla visione della Vergine con un segno di totale devozione trasformò la propria caldarella in una lampada alimentata ad olio che secondo la tradizione non si sarebbe mai estinto. Ma la peculiarità della festa la si riscontra il venerdì di quella stessa settimana con la “Cavalcata degli Angeli” che vuole riproporre il tripudio angelico che aveva riempito la selva di canti e luci nella lontana notte dell'apparizione. Cavalli bardati a festa, ornati di lustrini e sonagli sfilano assieme a centinaia di fanciulli vestiti da angeli in segno di purezza, da santi e da fraticelli girando per tre volte intorno al santuario in mezzo a decine di migliaia di fedeli che accompagnano il corteo col canto di antiche laudi. E' un tripudio di colori, di suoni, di fede che si mescola al calore del folklore popolare. I festeggiamenti raggiungono finalmente il culmine l'ultimo sabato di aprile. Dalle ore 3.00 del mattino i pellegrini affluiscono compiendo prima tre giri attorno al santuario, una sorta di percorso di purificazione, quasi un'anticamera, prima di chiedere umilmente il permesso di essere ammessi al cospetto della Regina del Cielo.
   
 



  > Madonna dell'Incoronata
   
 
Photogallery
Photogallery
Photogallery
Photogallery
Photogallery