AGOSTO
25-26-27-28
   
I festeggiamenti iniziano con la secolare e rinomata “Fiera della lana e del bestiame” e si concludono, dopo una settimana, con una serie di eventi religiosi e di spettacolo.
La sera del 25 una suggestiva e imponente processione di fedeli accompagna pregando, con candele votive, il busto del Santo vescovo, dalla Chiesa Madre alla periferica Chiesa di Sant'Oronzo alla Grotta, attraversando in piena notte senza illuminazione il viale di cipressi del cimitero comunale.
La mattina del 26 agosto, alle prime luci dell'alba, molti pellegrini, raggiungono a piedi la grotta, per partecipare alla messa votiva. In Chiesa Madre, il vescovo celebra la solenne Messa, a cui segue la “Processione di gala” del Santo per le vie del Paese.
Alla processione partecipano: cavalcate in abiti storici, sbandieratori, antichissime confraternite cittadine, autorità civili e militari.
Il Busto del Santo portato il 25 agosto alla grotta, viene eretto sul Carro trionfale, una struttura lignea alta più di 14 metri e lunga 8 metri, tutta decorata dai maestri ebanisti locali Fratelli Albano.
La sera del 26 agosto il Carro Trionfale arriva in paese trainato da sei mule, tra ali di folla festante.
Nella piazza principale, il carro, viene accolto da lanci di fiori, palloni, fuochi d'artificio e dalla musica delle bande (quella di Turi sul Carro, quella ospite sulla cassa armonica) che “fanno a gara” a suon di note.
Il 27 agosto avviene la discesa del Santo dal Carro Trionfale, e dopo una breve processione, rientra nella Chiesa Matrice.
La sera del 28 agosto in conclusione dei festeggiamenti in onore di Sant'Oronzo c'è una gara di fuochi pirotecnici, con l'assegnazione della migliore bomba d'apertura e il miglior fuoco pirotecnico.
Infine, per concludere i festeggiamenti la sera del 30 agosto si svolge un concerto di musica leggera.
   
 



  > Sant'Oronzo
   
 
Photogallery
Photogallery
Photogallery
Photogallery
Testi di C. Spinelli - Foto di G. Palmisano