SETTEMBRE
3-4-5
   
Le solenni celebrazioni dei santi patroni di Brindisi, Teodoro d'Amasea, guerriero, protettore delle reclute e degli eserciti, primo patrono di Venezia, venerato nell'oriente ortodosso, defensor urbis dal XVI secolo, e Lorenzo da Brindisi, doctor apostolicus, diplomatico accreditato presso le corti d'Europa, hanno il loro culmine il primo sabato di settembre.
La festa è un momento che congiunge fede e partecipazione civica, rinnovando il rapporto della città con il mare, nel ricordo della traslazione dall'Oriente delle reliquie del santo presso le coste brindisine.
Il venerdì, nelle acque del porto interno, con partenza dalla banchina antistante le Colonne del Porto, si svolge il Palio dell'Arca, tradizionale gara di voga tra sei “skifarieddi”, imbarcazioni a remi tipiche dei pescatori del basso Adriatico, abbinate ai quartieri della città.
Gli equipaggi raggiungono le imbarcazioni ormeggiate al molo, benedette prima della partenza, percorrendo di corsa la scalinata delle Colonne del Porto, dopo essersi scambiati un segno di sportiva lealtà alla gara.
Alle ore 19 del primo sabato di settembre ha inizio la processione a mare dei santi patroni: dalle fortezze sull'isola di Sant'Andrea, le reliquie sono portate per mare su un natante della Marina Militare e accompagnate da decine di barche percorrono tutto il porto interno, sino alle banchine centrali.
Questa cerimonia, nata nel 1776, in occasione dei lavori per la riapertura del gran canale del porto, è stata poi estesa anche a san Lorenzo, il santo nativo della città, proclamato patrono con decreto della Sacra Congregazione dei Riti, il 15 dicembre 1961.
All'approdo dell'imbarcazione, sotto gli occhi ammiranti di migliaia di persone assiepate sulle banchine del porto, l'arcivescovo lancia il suo tradizionale messaggio alla popolazione e l'equipaggio vincitore riceve il Palio dell'arca, trofeo della gara del giorno precedente.
Il sindaco consegna le chiavi della città alle statue dei santi e la notte si accende con lo spettacolo dei fuochi d'artificio sull'acqua, tra i più belli di Puglia.
La processione dei santi patroni procede poi dalla banchina di attracco del sandalo fino alla Basilica Cattedrale.
La festa continua con un ricco programma di eventi nelle piazze del centro storico animate da concerti di artisti internazionali con una particolare attenzione alla tradizione popolare italiana e dei paesi dell'area mediterranea.
   
 



  > San Teodoro e San Lorenzo
   
 
Photogallery
Photogallery
Photogallery
Photogallery
Photogallery
Testi e Foto di R. Caroppo - G. Canito