Madonna del Monte
APRILE
30
MAGGIO
1
   
La storia del culto della Madonna del Monte presso la comunità di Cavallino, viene fatto risalire a un racconto molto curioso, tramandato e ritratto in un bassorilievo di ottima e bella fattura, uscito dalle mani del Manzo (maestro cartapestaio) nel 1921, e conservato nella Chiesa Parrocchiale.
Un pastorello era solito portare i suoi buoi al pascolo, nelle campagne vicino a Cavallino, ed esattamente nel fondo “Rutta”.
Si accorse che una delle sue mucche restava lungamente in ginocchio presso un cespuglio, con lo sguardo diretto verso una piccola grotta coperta dalle fronde.
A nulla servirono i vari richiami alla bestia che si alzava solo per battere con gli zoccoli anteriori il terreno dell'imbocco della grotta.
Il pastorello, per curiosità, rimosse i rovi che coprivano la grotta e l'erba all'interno della stessa e, con somma meraviglia, si accorse della presenza dell'Immagine della Vergine con il Bambino, affrescata sul blocco di pietra. Il pastorello, tornando al paese, divulgò la notizia meravigliosa del ritrovamento dell'Immagine della Vergine e i fedeli attribuirono subito l'evento al volere della Mamma Celeste di essere venerata in quel luogo dove decisero poi di edificare una piccola Chiesa.
Iniziata la costruzione della Chiesa e conservati gli affreschi, il giorno dopo, furono trovati rovesciati i muri perimetrali, appena innalzati e gli attrezzi di lavoro furono trovati spostati su di una piccola collinetta nelle vicinanze del luogo del ritrovamento.
Ciò avvenne per tre volte fino a quando i fedeli non decisero di innalzare la chiesa dove attualmente si trova tutt'oggi.
Questa piccola chiesa, fu la prima dei fedeli dell'antico centro rurale di Cavallino, prima che sorgesse l'attuale chiesa parrocchiale.
Probabilmente tra l'VIII e il IX secolo, essendosi verificata un'avversione per l'uso delle immagini sacre nell'Impero Bizantino, per ragioni politiche e contrasti religiosi, i monaci Basiliani (seguaci di San Basilio il Grande) nascosero la Sacra Immagine nella grotta in cui venne rinvenuta, precisamente in un luogo sottostante.
   
 



   
  > La Festa
   
 
Photogallery